Le 17 Bandiere Blu di Puglia

Le 17 Bandiere Blu di Puglia

Un tuffo dove l’acqua è più blu, sempre più blu. Come le bandiere assegnate a 201 località e 81 porti turistici italiani nel 2021 dalla Fee.

La ong internazionale Fee (Foundation for Environmental Education) valuta non solo la qualità delle acque ma l’intero sistema di accoglienza delle località marittime. 

L’Italia cresce e la qualità delle sue località balneari è sempre più alta. Non solo per la qualità delle sue acque che deve essere eccellente nei quattro anni precedenti, ma anche per la depurazione delle acque reflue e della rete fognaria, la raccolta differenziata e le aree pedonali, le piste ciclabili, l'arredo urbano e le aree verdi. Trentadue criteri da valutare per ottenere la tanto ambita bandiera blu.

Nell’edizione 2021 crescono anche le spiagge italiane premiate: 416 pari al 10% di quelli premiati in tutto il mondo. 

Al primo posto, ancora una volta, la Liguria con 32 località premiate, al secondo posto sale la Campania con 19 bandiere blu e al terzo posto a pari merito la Puglia e la Toscana con 17 località premiate.

In Puglia perde la bandiera blu la bellissima Castro, in compenso la vincono  in provincia di Foggia: le isole Tremiti (con cala delle Arene e le baie di Monaccora, San Nicola, Proibisco e Peschici) e  il lido di Zapponeta

Nella Bat: Margherita di Savoia (sia nel centro urbano che a Cannafesca) e Bisceglie (Salata, Salsello). 

In provincia di Bari: Polignano a Mare (con le spiagge di San Vito, Cala Paura, Cala San Giovanni, Ripagnola/Coco Village); Monopoli (nelle aree del Castello Santo Stefano, Capitolo e lido Porto Rosso).

Nel brindisino sono state premiate Fasano (le aree marine di Egnazia Case Bianche, Savelletri e Torre Canne); Ostuni (Creta Rossa, lido Fontanelle, Pilone, Viar Beach, Rosamarina Rodos-Capanno e lido Morelli); Carovigno (con le località di Mezzaluna, Pantanagianni, Punta Penna Grossa/Torre Guaceto).

In provincia di Taranto hanno ottenuto la bandiera blu Castellaneta (Riva dei Tessali/Pineta, Giovinazzi/Castellaneta,  Marina/Bosco della Marina), Maruggio (Commenda, Campomarino, Acqua Dolce) e Ginosa (con la sua marina).

Infine nel leccese Melendugno (Roca, San Foca Nord/Centro/Torre Specchia, Torre Sant’Andrea, Torre dell’Orso); Otranto (Alimini/Baia dei Turchi/Santo Stefano, Castellana/Porto Craulo, Madonna dell’Altomare/Idro, Porto Badisco); Salve (Marina di Pescoluse/Posto Vecchio/Torre Pali) Nardò (Porto Selvaggio, Sant’Isidoro, Santa Caterina, Santa Maria al Bagno, Torre Squillace).

Sono aumentati su tutto il territorio nazionale anche i porti turistici premiati che diventano 81. In Puglia il premio va a sette porti.

In provincia di Foggia: Marina del Gargano (Manfredonia); porto turistico Rodi Garganico (Rodi Garganico). Nella Bat premiato il porto turistico Marina Resort ‘Bisceglie Approdi’ (Bisceglie).

In provincia di Bari il premio va a Cala Ponte Marina (Polignano a Mare). 

Nel brindisino premiato il porto della Marina di Brindisi (Brindisi). 

Infine nel leccese sono stati premiati due porti: il porto turistico Marina di Leuca (Marina di Leuca) e quello di San Foca (Melendugno). 

Non c’è che da scegliere la meta per tuffarsi dove l’acqua è più blu.