Ecco la calza, viva viva la Befana!

Ecco la calza, viva viva la Befana!

Che dolce risveglio trovare la calza piena di dolci! La Befana è scesa giù dal caminetto e ha lasciato i suoi doni preziosi e buoni!

Ci ha infilato anche una noce e un mandarino! Che simpatica! Se ne va in giro tutta la notte per riempire le calze lasciate dalle bambine e dai bambini del pianeta Terra. A bordo della sua scopa, percorre migliaia di chilometri per lasciare un dolcetto. C’è chi la dipinge come una brutta strega dal naso prominente, chi invece come una graziosa vecchietta con un fazzoletto in testa, in ogni caso porta gioia e buonumore lì dove non lascia solo carbone!

La leggenda legata alla cristianità, indica la Befana come una vecchia solitaria alla quale i re magi si rivolsero per avere indicazione su dove si trovasse il Bambin Gesù, e dopo aver ricevuto le informazioni richieste pare abbiano invitato la graziosa vecchietta a rendere omaggio al Salvatore del mondo. In un primo momento la vecchietta rifiutò l’invito per poi pentirsene e partire nottetempo, ma non trovando la strada si fermò ad ogni porta per regalare dolcetti a tutti bambini.

Che frenesia nei giorni precedenti l’Epifania, i fornitissimi negozi di dolciumi sono infatti presi d’assalto dalle aiutanti delle Befane, nonne, zie, mamme, tutte pronte a scegliere prelibatezze e bontà per premiare i bambini che durante l’anno si son bene comportati. Di certo questo anno la simpatica Befana avrà premiato tutti, chi vuoi abbia fatto il cattivo relegato in casa, chiuso fra quattro mura, senza neanche il piacere di una piccola scorribanda con i compagni di scuola!

Le cronache giornalistiche non ne parlano ma pare che la Befana quest’ anno abbia rovesciato interi sacchi di carbone solo dinanzi le porte dei palazzi del potere e delle abitazioni dei politici e politicanti nostrani! Ah brava! Viva, viva la Befana!