Infondoalmare

Riaprono i musei, viaggio nella bellezza

Riaprono i musei, viaggio nella bellezza

Le porte si riaprono e finalmente torniamo a respirare la bellezza che è luce, poesia e grandezza. Dopo tre mesi i musei tornano ad illuminarci. 

A farci respirare a pieni polmoni. 

Cerco bellezza e andrò a  Firenze, agli Uffizi per rivedere la Venere e la Primavera di Botticelli, il Tondo Doni di Michelangelo, la Madonna del Cardellino di Raffaello e la Medusa di Caravaggio.

Aspiro all’eternità varcando i portoni in bronzo dei Musei vaticani, percorrendo senza fatica ma solo stupore i venti chilometri di collezioni per arrivare a lei, il capolavoro dei capolavori, la Cappella Sistina di Michelangelo, il momento in cui si ha la chiara percezione che siamo più che carne e chiacchiere.

Voglio la grandezza e quindi Roma, con il suo simbolo in cui riecheggiano gladiatori e imperatori, il Colosseo, il parco archeologico più visitato d’Italia (l’anno scorso lo visitarono oltre 7 milioni e mezzo di persone)

Voglio viaggiare nel tempo, dal paleolitico alla civiltà copta, volo a Torino al Museo egizio, il più antico del mondo sulla civiltà nilotica, che conserva ancora la Mensa Isiaca, la tavoletta in bronzo che consentì la decifrazione dei geroglifici e il Papiro dei re, l’unico elenco dei faraoni dell’alto e basso Egitto, scritto in ieratico con tanto di introduzione sui divini e semidivini che regnarono.

Cerco il colore e vado a Milano, nell’ex convento dell’ordine degli Umiliati, alla Pinacoteca di Brera, per ammirare Tiziano e il suo San Girolamo penitente, il Tintoretto con il Ritrovamento del corpo di san Marco, e poi la scuola di Urbino con Piero della Francesca, Raffaello e il Bramante.

Ho bisogno di luce e andrò al Marta di Taranto con la Tomba dell’Atleta, le Veneri di Parabita, lo Zeus di Ugento e gli Ori di Taranto.

E infine la magnificenza, la Reggia di Caserta. Carlo di Borbone voleva una reggia che fosse più grande e bella di quella di Versailles, chiamò l’architetto Luigi Vanvitelli che, terminati i lavori, scrisse “Per progettare questa Reggia ho speso tutto il mio genio creativo. Perché la sua meraviglia potesse ispirare le generazioni future. Voi che potete godere di questa bellezza, abbiatene cura”.

Pressinbag Testata Giornalistica

www.pressinbag.it è una testata giornalistica iscritta al n. 10/2021 del Registro della Stampa del Tribunale di Bari del 10/05/2021.

Contatti

Per qualsiasi informazione o chiarimento non esitare a contattarci scrivendo ai seguenti indirizzi

Publish modules to the "offcanvas" position.