Mengo vola sui tetti della città

Mengo vola sui tetti della città

Sui muri di New Radium, Trane scrive le sue verità, vuole luce, vuole che tutti conoscano il suo nome, vuole alzarsi, elevarsi. 

 Non è solo un gioco è una vita tra tante, come tante.

Come quella di Mengo, alias Domenico Elio Caputi, 24enne rapper pugliese, nato a Triggiano, che in Getting Up ha trascorso parte della sua vita, trasportato dai graffiti, poesia urbana, portato dai fumetti e dalla musica a compiere la sua rivoluzione. A sovvertire l’ordine precostituito creandosi il suo futuro.

Ascolta i Nirvana, i Metallica, i Ramones e poi naturalmente i Queen. Cerca un linguaggio che sia solo suo e lo trova con Tradimento di Fabri Fibra. Ecco, sarà quello il suo mondo, la musica, rap e hip hop, dove le storie scivolano come le perle di una collana rotta. Ogni perla è una storia e questa è la sua. Mengo nasce in un giorno che arriva ogni quattro anni, scopre presto che quelle appendici tra le sue spalle sono ali e inizia a volare.

Come nel suo nuovo singolo, Volo, che preannuncia il primo album in uscita a febbraio. “Il sole rompe tutti i sassi, piove in casa mia, spero non smetta oggi” le parole scorrono come il passato in cui ha tessuto tele. Ora “volo sui tetti della città, sto solo tra luci e oscurità”

Accanto a lui il produttore TheGoodBoy (Cristian Loiotile) ed  Enrico Elia che lo accompagna al pianoforte. Il singolo Volo è disponibile su tutte le piattaforme streaming You Tube, Spotify, Deezer, Apple Music e Amazon.

“Si nota quando il cielo piange” ma ora non è il momento di piangere. E’ tempo di volare.