I paladini di Francia, gesta eroiche che educano

I paladini di Francia, gesta eroiche che educano

Le gesta eroiche dei cavalieri, gli amori, le gelosie, le vendette. Regole disattese, onore e armi. Tutto in un libro, i Paladini di Francia.

Edito da Alessandro Polidoro Editore, I Paladini di Francia, è il consiglio letterario di Cono Cinquepalmi dell’Ambulanza letteraria, che afferma “sono particolarmente felice di questa pubblicazione perché in Sicilia, per anni, quest’opera fu u libru per antonomasia. La cura delle cure a cui attinsero i pupari per le loro rappresentazioni, al punto da definire l’immaginario collettivo siciliano tra Ottocento e Novecento. U libru è e continua ad essere l’antivirus perfetto per addomesticare vizi quotidiani”. Il libro ripropone la Storia dei paladini di Francia da Carlo Magno imperatore fino alla sua morte, compresavi la battaglia di Roncisvalle, un romanzo pubblicato in dispense tra il 1858-1860. La paternità dell’opera è attribuita da alcune fonti a Giusto Lodico, un uomo che aveva studiato da maestro ma che non aveva conseguito il diploma. La sua opera, romanzi e poemi cavallereschi in successione cronologica che consentivano di seguire le vicende dei paladini di Carlo Magno lungo la loro vita, dalla nascita alla morte, con i loro amori e i loro turbamenti, è stata per anni la base alla quale attinsero i pupari siciliani per le loro rappresentazioni teatrali. In un’epoca in cui l’analfabetismo era ancora diffuso, i pupi, trasferivano conoscenza, appassionavano, invitavano all’ascolto e alla lettura. I paladini di Francia, le loro storie, hanno attirato l’attenzione di grandi e piccini, su questo libro molti hanno imparato a leggere, altri hanno memorizzato parole e vicende, da tramandare, in attesa di una nuova rappresentazione, di una nuova lettura. Orlando, Bradamante, Rinaldo, Medoro, Astolfo, Carlo Magno, Angelica, nomi che rimandano a vicissitudini che hanno segnato in maniera indelebile chi le ha lette e chi le ha ascoltate. Un libro anche educativo da rileggere per ricordare codici oggi dimenticati.