Sere di festa, in scena il teatro

Sere di festa, in scena il teatro

Il teatro non è solo un luogo, con pareti a volte troppo strette per poterlo contenere. Si fa prosa, danza, musica, magia.

Spazia riempendo luoghi insoliti che non hanno pareti nate per contenerlo. Scende nelle piazze, entra nelle scuole, toglie la polvere da scavi archeologici, antichi discorsi mai persi. Per poco meno di un mese il teatro in Puglia viaggia e raggiunge ogni dove.

Centoventitré recite, 30 spettacoli di prosa, 19 di teatro per ragazzi, 21 di teatro circo, 13 di musica e 5 di danza in 25 teatri e altri luoghi.

Elencarli tutti sarebbe impossibile, ma li trovate tutti qui. 

Ne citiamo solo alcuni per stuzzicare menti e palati, come Enzo Decaro con “Non è vero ma ci credo” la commedia in tre atti del grande Peppino De Filippo, figlio di quel Eduardo Scarpetta che ha scritto il grandissimo “Miseria e Nobiltà” portato in scena in questo Natale teatrale da Lello Arena.

Dalla fredda Transilvania arriva il “Dracula” dello scrittore irlandese Bram Stoker, per la regia di Sergio Rubini che calcherà il palco con  Luigi Lo Cascio. 

Dalle atmosfere gotiche del principe Vlad III di Valacchia si passa alla poesia, unica, vera, romantica e disperata di Alda Merini, nel tributo di Antonella Ruggiero “Elettroshock”, un recital in cui, sulla voce narrante di Cosimo Damiano Damato, la cantante genovese è accompagnata al pianoforte da Mark Baldwin Harris. 

Il duo barese per eccezione, Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo animeranno il Natale barese con “Il mondo è un palcoscenico”, tre spettacoli già sold out nel rinato teatro Piccinni.

E ancora Moni Ovadia e Dario Vergassola ne “Un ebreo un ligure e l’ebraismo”; Enrico Lo Verso in “Coppie mitiche - viaggio tra miti e amore”; Elisa Barucchieri ne “L’isola magica”; Ettore Bassi ne “L’attimo fuggente” e Isa Daniele e Giuliana De Sio ne “Le signorine”.

Prosa, danza, teatro per ragazzi, famiglie e bambini, testi classici, tradizione e contemporaneo, teatro circo e commedie, musica, gospel, concerti, galà di danza e lirici, in teatri comunali, piazze, chapiteau, vecchie segherie, librerie, incontri letterari, teatri su scavi archeologici, teatri mobili, bus e camion, persino mostre nelle vetrine dei centri cittadini, flashmob e artisti di strada.

Per un teatro che prende aria, natalizia, per le feste, per famiglie. interpreti e spettacoli, proposti dal Teatro Pubblico Pugliese, per illuminare con l’arte scenica le serate fino alla Epifania.