Stagione di prosa AncheCinema, apre Ascanio Celestini

Stagione di prosa AncheCinema, apre Ascanio Celestini

Sarà Ascanio Celestini ad inaugurare la terza stagione teatrale di prosa dell’AncheCinema di Bari.

L’attore regista e autore teatrale italiano, Ascanio Celestini torna in scena, a Bari all’AncheCinema, per raccontare le sue Barzellette. Tante le  storielle raccolte da un capostazione dai viaggiatori sconosciuti che transitano nella stazione terminale in cui lavora. Le barzellette di Celestini ci ricordano che possiamo ridere di tutto e soprattutto di noi stessi. Appuntamento il 28 novembre, primo dei sei spettacoli previsti per la stagione 20019/2020, da novembre ad aprile. 

Il 19 dicembre saranno Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi a calcare le scene con DonChisci@tte, liberamente ispirato a Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes. Qui il mito affronta la contemporaneità, dove il nemico contro cui scagliarsi sono le multinazionali, e il corpo a corpo è contro un mondo virtuale.

Giobbe Covatta, con Sei gradi, è protagonista il 30 gennaio. Sei gradi, quelli che segnano l’aumento della temperatura del pianeta Terra. Covatta immagina come gli uomini si ingegneranno per affrontare le emergenze delle varie epoche segnate dall’aumento di temperatura, ognuna per ogni grado. Una riflessione in chiave ironica su ciò che l’uomo lascerà in eredità alle future generazioni. I personaggi infatti saranno impegnati a realizzare all’ultimo momento, tutto ciò che noi non abbiamo fatto.

Il 21 febbraio in scena Piaghe con Arianna Porcelli Safonov, sette monologhi per sette piaghe del nostro secolo. Uno spettacolo che propone una riflessione scherzosa sui disastri culturali ai quali la società sembra essersi assuefatta. Una ironia sottile, una comicità malinconica in questo spettacolo che affronta la deriva culturale, anche trash, che alcuni modelli propongono.

Mi ... piace di più è lo spettacolo che Gabriele Cirillo proporrà il 22 marzo. Filo conduttore la risata, intenso lo show del comico che punta tutto sulla sua capacità di tenere il palco e di intrattenere il pubblico, parlando di persone e di avvenimenti prendendo spunto dal backup del cellulare.

A chiudere la stagione, il 16 aprile, Anna Foglietta, con Il comunismo mi ha rovinato la vita. Nello spettacolo scritto da Edoardo Leo, la Foglietta sviscera i limiti delle ideologie e dei credo religiosi, attraverso ricordi e suggestioni da condividere con il pubblico, ridendo e riflettendo sulla vita e sui condizionamenti che riceviamo dagli altri.

Gli abbonamenti alla stagione e i biglietti sono disponibili al botteghino del Teatro AncheCinema e online su diyticket.it. Biglietti disponibili anche online e in tutti i punti vendita Vivaticket, come il box office de la Feltrinelli Libri e Musica, in via Melo 119.