"Conosci i tuoi diritti”, due giornate formative a Bari

"Conosci i tuoi diritti”, due giornate formative a Bari

Corecom e Agcom spiegano come muoversi nella giungla del web

Il web è tutto ciò che gli gira intorno appare oggi un grande far west dove regole, diritti e tutele sembrano mancare. In realtà, anche se molto c'è da fare per regolamentare il settore, Agcom, Corecom, associazioni dei consumatori e authorities, hanno messo in campo una serie di regole e norme a tutela dei consumatori, di cui poco si sa. Per aumentare la consapevolezza e la conoscenza degli utenti il Corecom Puglia in accordo con Agcom, ha organizzato due giornate nazionali di studio dal titolo “Conosci i tuoi diritti” - lunedi 14 e martedi 15 ottobre a partire dalle ore 9 - al Palace Hotel, a Bari.

Si parlerà di telefonia mobile e pay tv, del sistema telematico di conciliazione messo in campo da Agcom, delle nuove norme per la tutela dei soggetti deboli nei media (donne e immigrati), di informazione di qualità,  diritto d’autore, cyberbullismo e l'hate speech in rete.

Durante la due giorni sarà presentata anche la pubblicazione di una ricerca del dipartimento di Storia e studi sull'uomo dell'Università degli studi di Lecce sulla narrazione del femminicidio sulle testate giornalistiche pugliesi. La pubblicazione "Non è amore malato", curata dalla professoressa Valentina Cremonesini è corredata dalle illustrazioni di Greis, al secolo Grazia Rongo.

La due giorni di incontri e discussioni sarà inaugurata dal presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo. Tra i partecipanti segnaliamo il segretario generale di Agcom, Riccardo Capecchi; la segretaria generale del Consiglio regionale della Puglia, Domenica Gattulli; la presidente del Corecom Puglia, Lorena Saracino e il direttore del Corecom Puglia, Francesco Plantamura.

Il convegno che si snoderà in quattro sezione è stato inserito da Agcom nell’ambito della formazione obbligatoria rivolta al personale dei Corecom e rilascia inoltre crediti formativi per: Ordine dei giornalisti, Ordine degli avvocati e Università degli Studi di Bari (Dipartimento di Giurisprudenza, Scuola Forense, Dipartimento di Economia e Finanze).

Per consultare il programma completo del convegno basta cliccare qui.