Museum of the Moon, una Luna al Campus di Bari

Museum of the Moon, una Luna al Campus di Bari

Concerti di Nicola Piovani e Claudio Stea

Una piccola luna in miniatura nel cinquantesimo anniversario dello sbarco dell’uomo sul satellite magico e misterioso. Museum of the Moon, l’opera itinerante dell’artista britannico Luke Jerram  sarà in mostra al Politecnico di Bari da sabato 29 giugno a lunedì 1 luglio. Un’istallazione del diametro di 7 metri, riproduzione nei minimi dettagli della crosta lunare, dai più piccoli crateri fino alle catene montuose, che è stata realizzata utilizzando le immagini in alta risoluzione della Nasa, l’agenzia spaziale statunitense, in scala 1:500.000. L’opera, illuminata dall’interno, mostra in tutta la sua bellezza, il potere e il fascino del satellite terrestre, sarà esposta nel Campus per l’intera giornata di lunedì (dalle 9 alle 22)  e anche domenica 30 giugno dalle 18 alle 22, con ingresso libero e gratuito.

E per l’inaugurazione dell’installazione, sabato 29 giugno alle 20.30, il concerto “La musica è pericolosa” del maestro e premio Oscar Nicola Piovani che suonerà il pianoforte accompagnato dagli altri componenti de La Compagnia della Luna, Marina Cesari (sax e clarinetto) Pasquale Filastò  (violoncello e chitarra) Ivan Gambini (batteria e percussioni) Rossano Baldini (tastiere).

Lunedì 1 luglio alle 20.30 sarà il compositore Claudio Stea a chiudere Museum of the Moon con “Raggi di Luna”, un’esibizione per pianoforte dal titolo del suo nuovo album.

Un appuntamento imperdibile per vedere da vicino, seppure riproduzione, quella Luna che non ci si stanca mai di guardare nelle notti d’estate, distesi su una spiaggia o su una sdraio nei cortili in campagna, o lanciandole uno sguardo distratto alla guida della propria auto lungo le strade di collegamento tra le città.