L’estate muore giovane, Mirko Sabatino emoziona con sapienza

L’estate muore giovane, Mirko Sabatino emoziona con sapienza

Ci sono libri che risvegliano coscienze, che fanno male, scritti talmente bene che riposare gli occhi per pochi minuti sarebbe inopportuno.

Tra questi libri c’è “L’estate muore giovane” di Mirko Sabatino. A consigliarcelo Giada Filannino della libreria indipendente Ambarabacicicocò. “È una storia crudissima che parla di morte, di bambini costretti a crescere velocemente, parla di Puglia, di tradizioni e contiene tantissima bellezza. Io ho amato questo libro a un punto tale che molto tempo dopo la sua pubblicazione ho chiesto a Mirko Sabatino di venire il libreria a raccontarlo”, spiega .

Sono un’amante della bella scrittura, afferma Giada Filannino, scelgo libri che non hanno sempre una trama avvincente. Quello che mi piace è la scrittura e voglio abituare i miei lettori a distinguere i libri scritti bene da quelli che hanno delle trame ben costruite ma non sono scritti bene. L’estate muore giovane ha per me tante di queste caratteristiche messe insieme perché è un libro dalla trama molto potente ed è scritto benissimo”.

Mirko Sabatino, giovane scrittore nato a Foggia nel 1978, sa scrivere. Sa scatenare con le parole un turbinio di sentimenti. È l’estate del 1963 in un anonimo paese del Gargano tre ragazzini osservano il mondo. Attraverso i loro occhi viviamo sulla nostra pelle le dolorose questioni che dovranno affrontare. Sabatino ha un talento, sa raccontare con estrema leggerezza il candore degli occhi innocenti, i fantastici mondi paralleli costruiti per proteggersi dal dolore, quel dolore che sa farci provare, con la stessa spietatezza del male e dei risvolti inaspettati con cui i ragazzi protagonisti perdono la loro spensieratezza.

È un estate che cambia il corso del processo di maturazione dei ragazzi, è lo spartiacque nel mare azzurro in cui non ci si può più tuffare senza il timore della consapevolezza. Sabatino sa descrivere i sentimenti incastonandoli in altrettante magnifiche e sapienti istantanee del paesaggio.  Un libro da leggere, L’estate muore giovane, di Mirko Sabatino, edito da Nottetempo.