Pasquetta, due tiri al pallone e tanto cibo

Pasquetta, due tiri al pallone e tanto cibo

Sì, è il lunedì dell’Angelo. Sì, Pasquetta, il giorno dopo Pasqua, dedicato alle allegre scampagnate e ai pic-nic in pineta, nel bosco, al mare. 

 Per questo 2021 ci accontentiamo dei pochi centimetri che un balcone cittadino ci offre, i più fortunati staranno nel loro giardino tra fresie e iris, calle e margherite. 

Sotto l’albero di limoni sorridono le sterlizie. Sul prato di trifoglio giallo, sfasciato da poco, stendo una coperta azzurra come il mare, le vele i tovaglioli ed ecco il simpatico cesto pieno di cibarie da gustare osservando il volo di un indiscreto passerotto. Non è ancora tempo di nutrirsi, prima occorre fare un po’ di movimento, una simpatica partita a calcio con gli amici poi due palleggi e qualche schiacciata, ancora due canestri e poi pallina e racchette. Giocare con il muro dà sempre grandi soddisfazioni, gli amici infatti sono nelle loro case. Ci incontreremo stasera su zoom. 

Il gatto del vicino prova a rubare polpette, fortunatamente basta un urlo a metterlo in fuga.

Dopo tanto giocare è dunque giunto il momento di mangiare. Polpette, crocchette, carciofi fritti, petto di pollo panati, uova sode, pisellini freschi, fave, formaggio, salumi, olive, patatine, focacce, panzerotti, tutto solo come stuzzichini. Poi le cose serie pasta al forno e parmigiana. Un po’ di frutta e poi il dolce, uova di cioccolato, agnellino di pasta di mandorle e colomba. Cavolo ci vorrebbe un digestivo, caffè o limoncello, l’uno e l’altro. Il muro reclama vuole la rivincita. Piena come un uovo ed anche come un pinolo tiro stancamente il pallone che mi ritorna. Una sconfitta da ricordare, ma la pancia piena reclama acqua e sole. Stendiamo sull’amaca e guardiamo il sole calare. Tu muro non puoi, è vero. Lo farò io anche per te. Attendo qui l’appuntamento con zoom per dire a tutti gli amici buona Pasquetta!