Neve lieve, bianco silenzio

Neve lieve, bianco silenzio

Neve, neve, lieve neve. Delicata, soffice, simpatica, divertente, silenziosa come il bianco che copre colore, immobilizza paesaggi.

Alessandro, meteorologo per passione, l’aveva annunciata da tempo, avrebbe imbiancato il Salento e lui l’avrebbe inseguita, perché lui l’ama, la neve.

E la prima spolverata eccola in un giorno di febbraio, mese che adora essere freddo, far ricordare i suoi 28 giorni.

Neve, il cucciolo di gatto basito dai fiocchi, mentre il vento gelido taglia lo sguardo. Alcuni paesi imbiancati e i mezzi spazzaneve impegnati a rendere le strade percorribili. Che le catene da montare ai pneumatici non tutti le hanno comprate. Non saranno pochi millimetri ad impedire ai curiosi, smartphone in mano modalità multiscatto, di raggiungere il luogo amico da riscoprire nel suo nuovo abito ancor più affascinante. Ecco la riviera ionica aprirsi ai suoi spettatori. Così la spiaggia di Punta Prosciutto, in estate meta preferita di intere comitive di villeggianti, cede il dorato della sua sabbia al bianco silenzioso della neve. Il mare ride e gioca, ti sciolgo o non ti sciogli, mentre osserva quel raro mantello e vede sul viso di un piccolo bimbo dipingersi lo stupore.

Le chat di whatsapp inondate di fotografie per chi ha scelto di restare a casa, sotto un caldo piumone. Alessandro invia le sue della spiaggia di Punta Prosciutto, osserva l’orizzonte, ma sa già che tempo farà, domani. Il bianco della neve accende la luce, non è spettacolo per ogni giorno. Evento raro, neve lieve, copre il rumore di questi giorni, cancella colori, bianco su giallo, rosso e arancioni. Bianco ed è verde speranza.